02E64231

Sostituzione Maniglioni antipanico non marcato CE

Ricordiamo che è prossimo il termine ultimo per la sostituzione dei maniglioni antipanico non marcati nelle attività soggette al certificato di prevenzione incendi. I clienti, che rientrano nell’elenco delle attivività soggette all’applicazione del D.P.R. n. 151 del 1° agosto 2011 che il termine ultimo per la sostituzione dei maniglioni è previsto per il 18 febbraio 2013 come da Decreto 6 dicembre 2011.

Ricordiamo inoltre che il D.M. 03-11-2004 stabilisce i criteri da seguire per la scelta dei dispositivi di apertura manuale delle porte installate lungo le vie di esodo nelle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco (C.P.I.) I maniglioni devono essere conformi alle norme UNI EN 179 o UNI EN 1125 ed ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n. 246, devono essere muniti di marcatura . In particolare, fatti salvi gli adempimenti previsti da specifiche regole tecniche di prevenzione incendi, l’installazione dei dispositivi è prevista nei casi descritti all’articolo 3 del decreto:

 

a) sulle porte delle vie di esodo, qualora sia prevista l’installazione di dispositivi e fatto salvo il disposto di cui all’art. 5, devono essere installati dispositivi almeno conformi alla norma UNI EN 179 o ad altra a questa equivalente, qualora si verifichi una delle seguenti condizioni:

a.1) l’attività è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da meno di 10 persone;

a.2) l’attività non è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da un numero di persone superiore a 9 ed inferiore a 26;

 

b) sulle porte delle vie di esodo, qualora sia prevista l’installazione di dispositivi e fatto salvo il disposto di cui all’art. 5, devono essere installati dispositivi conformi alla norma UNI EN 1125 o ad altra a questa equivalente, qualora si verifichi almeno una delle seguenti condizioni:

b.1) l’attività è aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da più di 9 persone;

b.2) l’attività non e’ aperta al pubblico e la porta è utilizzabile da più di 25 persone;

b.3) i locali con lavorazioni e materiali che comportino pericoli di esplosione e specifici rischi d’incendio con più di 5 lavoratori addetti. Detti maniglioni sono già stati evidenziati in fase di manutenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *